Viaggio nel Sole...

E' un piccolo viaggio nel Sole, quello che viene proposto in questo volume. Un viaggio che per chi scrive è iniziato diverso tempo fa, e si è concluso giovedì scorso, con l'uscita del volume in edicola, in connessione con il Corriere della Sera

Ora è qui, è solido, è concreto. 

E' bello vederlo, sfogliarlo, pensare che tutto sommato ne è uscito un bel lavoro. Certo, un libro così è un lavoro di squadra, essenzialmente. C'è chi scrive (lo stesso che scrive le righe che ora state leggendo), e sceglie le (tante, tantissime) fotografie. Ma poi c'è chi fa il paziente lavoro di interfaccia con l'editore, e chi cura la grafica, la disposizione delle foto, la revisione del manoscritto, l'impaginazione, e tante altre cose, che sono piccole solo in apparenza.

Di questa avventura ne parlo un po' più diffusamente su GruppoLocale (visto l'argomento astronomico, mi sembrava il posto adatto), ma non mi andava di lasciar passare la cosa senza che sporcasse un po' di sé anche questo ambiente, che è quello mio più personale, in un certo senso più intimo, anche se aperto al mondo (interessante questa polarità, poi, questo lavoro continuo e non sempre facile, di verità nel raccontarsi davvero e di fiducia nell'aprirsi).

Grazie ad Umberto Genovese, per la bella immagine! 

Insomma è bello sfogliare questo libro, ora che è compiuto. Ricordando gli affanni, i momenti di crisi, quelli di esaltazione, e capire che soltanto l'applicazione paziente, l'adesione (tentativamente) umile a quel che c'è da fare, ha reso possibile che un'idea, un sogno, si trasformasse in un pezzo tangibile di realtà.

Il volume è l'undicesimo della seria Viaggio nell'Universo e fino ad oggi che scrivo, dovrebbe essere reperibile nelle edicole. Altrimenti almeno per un po', lo potete trovare dentro il negozio online del Corriere, insieme ovviamente con gli altri volumi. 

Più di tutto, questo credo di avere imparato. Che le cose si possono fare, si possono realizzare. Grandi e piccole (che poi, ogni scala è relativa), anche cose piccolissime che nessuno vede, che sono spesso più grandi di tante visibili, per chi le fa, per la sfida che ha dovuto affrontare, le paure e le esitazioni che ha dovuto superare. 

Le cose si possono fare, io le riesco a fare (perfino io ci riesco), tanto più ci riesco, quanto imparo a dimorare nella domanda più che nella pretesa. Non è facile, è un lavoro sporco contro l'inclinazione spontanea, contro la continua deriva momentanea - un lavoro a volte aspro, quasi sempre faticoso. Ma a questo regime di frequenza, la risposta arriva, mi sento di dire, arriva sempre. 
A volte nei modi che non mi aspetto, ma arriva.

Un'evidenza, a volerla davvero vedere, quasi solare. 

Commenti