mercoledì 25 dicembre 2013

Nel freddo, una nascita

Nasce nel freddo. E vieni in una grotta al freddo e al gelo, canta il celebre inno.

Vuol dire tanto. Anche questo, che il freddo non è l'ultima parola. Vuol dire che il freddo, pur sentito, drammaticamente avvertito, non è conclusivo di nulla, non implica logicamente nulla, non delimita nulla in senso definitivo. Perché non può mai essere l'ultima parola. Meglio, perché non può evitare - anche il freddo più freddo - che l'Universo si pieghi alla categoria della possibilità, che debba piegarsi a questa legge. Che ogni momento possa accadere qualcosa di nuovo.

Dio sceglie quelle circostanze che possono mettere di più davanti ai nostri occhi chi è Lui e quale straordinaria novità può generare nel mondo. E questo dovrebbe rallegrare ciascuno di noi, perché significa che allora non c’è situazione, momento della vita o storia che possa impedire a Dio di generare qualcosa di nuovo (Juliàn Carron)

Photo Credit: AlicePopkorn via Compfight cc

Ci sono momenti in cui uno può sfidarsi a prendere certe frasi alla lettera. A me piace farlo con la frase di Carron appena riportata. Parlo di sfida perché il mio pensiero gravita sovente attorno ad una diversa attitudine, prevale spesso il già visto, il già saputo. Ma - mi dico - è solo una ennesima distorsione dell'ego, che resiste ad aprirsi alle infinite possibilità dell'esistenza, che trascendono allegramente noi e tutte le nostre ottocentesche riduzioni dell'imponderabile complessità del reale e del suo perenne scintillante mistero. Perché? Perché non ama perdere il controllo, non ama cedere. E non ama le sorprese.

E invece la suprema saggezza è cedere. Alle infinite possibilità nascoste, incorporate, in ogni situazione. Ogni freddo può svelare dolcissime sorprese, se accolto con pace, con pazienza. Come la neve il freddo custodisce, copre, prepara ad una nuova nascita.

Il Senso dell'esistenza, l'Essere, nasce nel freddo. Dove nessuno se lo aspetta.

Pensiamoci. Ora. Buon Natale.