giovedì 10 dicembre 2009

Amore che muove...


Amore e gioia - Love and joy
Inserito originariamente da gigilivorno

Se ami, sei più te stesso, la tua personalità è esaltata. Quanto ho sbagliato pensando l'amore come cosa per i piu' giovani. Ora capisco che e' una attitudine, una scelta, qualcosa di necessario ad ogni eta'.

La società moderna, nel suo aspetto di deriva verso lo scientismo e razionalismo, ritiene (senza teorizzarlo esplicitamente) che la logica e il ragionamento possano sostituire l'amore e l'affezione, perlomeno nell'età più adulta. In questo coltivando forse una illusione di autonomia e autodeterminazione per l'individuo, intendendo in ultima analisi "libertà" con "assenza di legami". Però così diventa instabile, tentando di negare un motore potente dell'agire umano. Come una macchina che lavorasse senz'oli: non scorre bene, pulita. Tanto è vero che, quasi per una sorta di contrappasso, esalta incondizionatamente, come in un impeto nostalgico, la parte insintuale e più giovanile dell'amore, pure importantissima, ma così portata per così dire da questa stessa esaltazione "fuori quadro".

A mio modo di vedere, la società attuale fatica a comprendere che ogni uomo, in ogni istante, ha bisogno di amore e può dare amore, in una rosa di possibili modalità che vanno ben oltre la sfera sessuale (senza per questo, negarla o svilirla, o peggio operare una sorta di rimozione psicologica).

L'amore vero tocca ogni corda dell'essere umano, lo risana. Per dirla tutta, ho l'impressione che la rimozione della trascendenza come fattore di impatto "reale" nella vita quotidiana, tentata dalla società moderna (e anche questa, quasi mai teorizzata esplicitamente), svilisca l'importanza stessa dell'amore, nella vita dell'uomo.

Mi pare di avvertire che la possibilità dell'amore dell'uomo per l'altro essere umano, si ripari e abbia come una sponda nella relazione di amore per un Altro, con la maiuscola ("Senza che Cristo sia presenza ora - ora! - io non posso amarmi ora e non posso amare te ora", diceva Luigi Giussani). Abbiamo forse perso la cognizione che sempre, in ogni condizione di angoscia o solitudine, si è oggetto di amore, e si può corrispondere all'amore.

..."L'amor che move il sole e l'altre stelle" (Dante)