mercoledì 11 novembre 2009

Camminare...


Red Carpet
Inserito originariamente da Rhys Jones Photography

Caro mio, bisogna pur che te lo dica. Sì, bisogna che te lo dica di nuovo, caro me stesso, visto che dici di saperlo già, ma sempre te lo dimentichi.

Ecco qui: non pretendere di risolvere subito tutto, non pensare che tutto debba sempre essere chiaro: cammina anche se il percorso è illuminato a sprazzi...

Camminando, tratta con la massima affabilità il magma di passioni e impulsi che ti si muove dentro.. tratta con affabilità le altre persone, e soprattutto te stesso (che poi le cose sono legate a filo doppio...).

Ragiona: prima era necessario risolvere in maniera fredda, analitica. C'era da farsi una strada, guadagnare un posto nel mondo, acquisire, allargare. Ora è invece assai più necessario accogliere, sostare anche nelle zone d'ombra, pazientare, camminare piano, comunque. Non rigettare niente di se stessi, non porre nessuno "steccato" artificioso, ma accogliere le proprie passioni con affabilità e dolcezza. Baciarle, come dice A. Grun.

Niente più fretta, lavoro paziente sul limare i propri difetti, basta un passettino piccolissimo ogni giorno: e questo è assai bello perchè non pone quasi condizioni... si può fare sempre...

Insomma, mai più l'atteggiamento aridamente cartesiano verso il proprio sè: separare "con le pinzette" le emozioni e gli impulsi, uno ad uno, per metterli sotto la fredda luce di un improbabile imparziale esame, per tentare di "risolvere", "spiegare", enucleare i fattori uno alla volta... mai più, mai più ! Queste cose sono come i quark: non sono separabili, se non a spese di una smisurata energia ... Voglio dire, la dolcezza non è compatibile con la tentazione sottile di questo atteggiamento, i dubbi e i nervosismi aumentano soltanto, ci si rigira nell'aspra irrisoluzione conseguente ad una atteggiamento sbagliato...

Che bella, invece, quella giornata in cui io non ho risolto nemmeno una delle mie incertezze e fatto luce su nessuno dei miei dubbi, ma ho solo imparato ad accogliere queste e quelli con pazienza affabilità e amore verso il tesoro che è la mia vita... in cui allora queste cose non sono più obiezione, ma accolte diventano inaspettatamente "amiche", in un modo che la realtà stessa si addolcisce appena e più colori filtrano alla mia finestra... davvero che bella giornata..!