giovedì 17 settembre 2009

Tornare a scuola... e al blog.

Curiosamente, guardando gli accessi ai miei blog, mi sono accorto di un pò di contatti che puntavano ad un post che ho scritto nel 2007: la "potenza" di Google (e dopottutto questo blog è sotto la sua giurisdizione...) che rispondeva alle ricerche riguardo il "ritorno a scuola" mostrando il mio post.

Allora me lo sono riletto... e mi sono ritrovato di colpo nelle considerazioni e nelle impressioni che avevo due anni fa, al momento della ripresa della scuola per i miei bimbi: è come se le avessi sempre avute in mente, ma non potessi accedervi se non rileggendo quanto avevo scritto a suo tempo. Rileggere quello che ho scritto è sempre un'operazione curiosa, per me. Sarà perchè ho davvero poca memoria, ma spesso è come se leggessi una cosa "nuova" scritta da qualcun'altro. Qualcuno che però (non sorprendentemente, potreste pensare a buon diritto) scrive nel modo che più mi piace, dando rilievo ed enfasi agli argomenti che mi stanno più a cuore, scegliendo le parole che mi piacciono di più.

Scrive come piace a me. Ecco perchè non posso solo leggere quello che scrivono altri, perchè devo scrivere qualcosa di mio. Non è infatti questione di quanto sia imperfetto, quello che scrivo. E' piuttosto questione che quello che scrivo si muove esattamente nel sistema di coordinate che mi sta a cuore; dà respiro ed esposizione a quello che mi "preme". Ne riconosco spesso la bruciante imperfezione ma non posso separarmente, non posso allontanarlo. E' mio.

Allora anche riprendere con più frequenza questo blog mi sembra abbia senso, come proposito per il nuvo "anno scolastico". Twitter, Facebook e cose simili hanno al momento l'esposizione maggiore sul web (e anche io li uso, spesso con soddisfazione). Però uno spazio in cui l'attività di scrivere trovi maggior respiro forse ci vuole ancora. Almeno per me.