domenica 28 giugno 2009

In quel di Sardegna


sardegna castel sardo
Inserito originariamente da rmmaxrmbobo
Che dite, non sembra troppo malaccio, dopotutto no?

Quasi quasi domani vado a vedere di persona... sì sì faccio proprio così! Magari se mi piace, sapete cosa vi dico, mi fermo pure qualche giorno ;)

domenica 21 giugno 2009

Tutti in giro per Roma!

Ogni tanto è bello fare i turisti, anche nella propria città; specialmente se sul bus che porta in giro per i luoghi di interesse della città eterna, si riesce ad andare con tutta quanta la famiglia.. ormai non sono tanti i momenti in cui si può stare tutti insieme, dal più grande al più piccolo, e dunque momenti come questi sono ancora più importanti, anche per i genitori...!


... e meno male che la pioggia ha "aspettato" che finissimo il giro.. ;-)

Posted via email from mcastel's posterous

mercoledì 17 giugno 2009

La tempesta


Follow The Rain
Inserito originariamente da Philippe Sainte-Laudy
Buon vento poi si alzerà sopra le nostre vele...
qual è la rotta giusta solo il Signore lo sa.
(Branduardi, "La Tempesta")

Lei piangeva, piangeva come mai lui l'aveva vista piangere. La sua disperazione era palese. Gli venne fatto di pensare che quando piangeva lasciava però anche intravedere una dolcezza nuova, una mancanza di difesa, una arrendevolezza attraente.

- Ma allora... ma ti rendi conto, ma noi... tutti questi anni? Tutto, abbiamo sbagliato tutto....

- No, questo che dici, è ingiusto. Ingiusto verso te stessa: non farti male, ti prego.

- Ma abbiamo fallito. Fallito, capisci?!

E la sua voce ebbe una virata sulle ultime sillabe: la frase chiuse su una intonazione straziante, che lo toccò nel cuore.

- Come puoi dirlo Marta? Scusa, ma cosa ne sai, in fondo? Che ne sai
di quale strada dovremo percorrere, di cosa attraversereremo?

Si asciugò le lacrime con un braccio. Era rossa nel viso. Ora lo guardava, senza parlare.
Lui allora continuò, facendosi piano strada nel suo silenzio.

- Vedi, non è vero che abbiamo fallito. Del resto, non lo è mai.

- Come? Cosa dici... lo è, non vedi come siamo? Lo è... E ora?

- Cammina. - E così dicendo, abbozzò un inizio di sorriso.

- Eh?

- Ora camminiamo. Continuiamo a camminare. Vieni, dammi la mano. Lascia pure che un pò di pioggia ci cada addosso. Vedrai, la strada sarà bella. Vedrai, pure questa tempesta passerà.Vieni.

martedì 16 giugno 2009

Criceti d'altre terre...

La piccola Agnese, tornando dal parco, alla sorella più grande...

"Claudia, Claudia...! Lo sai che al parco, c'era un criceto d'india ???"


venerdì 5 giugno 2009

Abbondanza.. di papere!

Il papà rientrato a casa, si informa...

- Allora Agnese, sei stata bene oggi con la nonna? Ti sei divertita al laghetto?

- Sì sì! Era bello! Abbiamo preso il gelato... e poi c'erano papere in abbondanza! Si nascondevano all'ombra perchè faceva caldo...

martedì 2 giugno 2009

Carla e Tommaso (un racconto)

Carla si alzava presto la mattina, in quei giorni. Soprattutto in quei giorni, per avere il tempo per capire, per pensare, per ascoltare il silenzio del parco. A ventitré anni appena compiuti, nella casa in cui abitava da sola: la casa che dava sopra il parco, la sua casa nuova.


Carla aveva degli occhi di un azzurro profondo, limpido. Capelli biondi appena un poco mossi, mani lunghe e dita affusolate, e un sorriso docile, un'attenzione viva sulle cose. Pur essendo bella, non lo faceva pesare, anzi molte volte non sembrava esserne davvero cosciente. Nelle conversazioni tra amici, in università, aveva un modo particolare di rischiarare il volto in ampi sorrisi, come piccole gemme che brillavano per un momento, e subito dopo, come per naturale timidezza, si ritirassero. Quei suoi modi delicati e leggeri, avevano incantato Tommaso, fin dalla prima volta che l'aveva vista....

Leggi qui il racconto completo (...se vuoi!)


lunedì 1 giugno 2009

Quale genitore c'è ?

- Simone! Ma come mai ti sei andato a mettere sul divano..? Potevi rimanere a dormire ancora un pò. E' presto..

- No, no, è che sono venuto qui solamente a riposarmi. Volevo solo vedere quale genitore c'è..