martedì 21 aprile 2009

Seguire la linea...

.. e non è stato forse bello, ieri, affrontare le proprie piccole spigolosità, con il pensiero dolce e "riordinativo" di avere un ruolo, un compito su cui svolgere la vita, che è quello di amare mia moglie (amare! Apparentemente semplice, perennemente rivoluzionario. Al di là del conto spicciolo di quanto dò e quanto ottengo), e di applicarmi nel lavoro (non pretendendo più la perfezione, ma accettando il mio ruolo così come viene declinato nella vita pratica...)?

Mi sono accorto anche che le cose si declinavano meglio, più ordinate. C'era meno senso di dispersione. Ero all'inaugurazione della Torre Solare a Monte Mario, e sentivo che non c'era niente da eccepire, da riflettere, da ruminare. Ero lì perchè dovevo stare lì (forse non si capisce... però è così) E la cosa era pacificante. Accettavo il mio ruolo. Facevo quello che dovevo fare: ma non "dovevo" nel senso di costrizione.. piuttosto, nel tentativo (imperfetto quanto si vuole) di adesione alla linea della mia vita. Allora anche le cose si sistemavano un pò più accoglienti, i rapporti con le persone si addolcivano (e si facevano migliori), la curiosità per il lavoro e le cose intorno poteva emergere...

Lo scambio di parole con il direttore (che ha ringraziato anche me per essere stato presente), i colleghi. Gli amici.

La linea della mia vita (hold the line...). Che non è da inventare, ma da riconoscere...

Posted via web from mcastel's posterous

Nessun commento: