martedì 8 aprile 2008

Gufo Tartufo ed altre novelle...

Sì sì, è così. Mi piace raccontare favole, mi piace inventarle su due piedi, quando mi viene chiesto; mi diverte, partire da una ideuzza minima minima che mi viene in mente all'istante, e da quella ragionare per allargare pian piano la situazione, aggiungendo personaggi, situazioni, idee... Mi piace e mi gratifica moltissimo la faccia attenta che fa la piccola Agnese, che si ricorda poi nomi, situazioni, ambienti che magari invento lì lì e tendo a scordarmi pure io...

Allora ieri accompagnandola all'entrata di scuola abbiamo parlato del Gufo Tartufo, un gufetto tanto simpatico ma che aveva purtroppo paura del buio. Il guaio è che essendo gufo doveva rimanere sveglio la notte, e gli amici gufi gli facevano gli scherzi, approfittando del suo timore dell'oscurità: soprattutto (questi puzzoni...) lo prendevano in giro perchè teneva vicino a lui una piccola lucetta, di quelle colorate per i bimbi. Ma lui, consultata la mamma, gli ha poi reso "pan per focaccia" inventando degli scherzi innocenti per gli altri gufi, che però ci sono cascati con tutti i piedi (o forse le zampe, dovrei dire) e dunque hanno cominciato loro ad aver timore del buio (e Tartufo che se la rideva sotto i baffi...) !


Oggi abbiamo aperto "il filone" del coniglio Pippi; amico di Gufo Tartufo: il problema è che hanno poco tempo per vedersi, perchè uno dorme di giorno, l'altro di notte. Ma alla sera - uno si è appena alzato l'altro sta per andare a nanna - fanno comunque in tempo per una partita di Rubamazzo... (Tartufo ha insegnato a Pippi, per la cronaca). Domani...? Ormai siamo d'accordo che Agnese, prima di entrare a scuola, fissa l'argomento e il nome per la puntata successiva: oggi mi ha detto che dovremo parlare della Tigre Mimmi... tocca farsi venire in mente qualcosa entro domattina ! ;)

Il bello è proprio, in questo, la qualità dell'attenzione che ci mette Agnese; e che buffo due persone di età, attività, relazioni, progetti, così diverse, che si divertono.. tutte e due con delle piccole favolette! Stamattina abbiamo pensato allo stesso momento, la stessa cosa; ad un certo punto lei mi ha detto qualcosa del tipo "Papà, ma perchè non facciamo che ogni volta aggiungiamo un personaggio dentro la stessa favola, senza cominciarne una nuova..." (ed è quello che stavo pensando io, stavo proprio giocando con l'idea di ampliare lo scenario pian piano, aggiungendo personaggi e mettendoli in relazione tra loro...)

Devo dirlo... ora ho un pò timore di quando non servirà più raccontare favole, di quando non ci saranno due occhioni aperti spalancati desiderosi di ascoltare le piccole storie del bosco, che inventa il papà, ma giustamente sarà attratta e interessata ad altre cose, più mature, più complesse. Ma forse la mia immaginazione ora è puntata sul momento attuale, e non sa ancora quali forme e qualità di interazione tra papà e figli potremo inventare; infatti non c'e' niente di ordinario e scontato quanto uno prova - nonostante la stanchezza, le preoccupazioni, le distrazioni, i diecimila limiti che si possono avere - a vivere con partecipazione il proprio ruolo all'interno della famiglia, quella famiglia con la quale cammina, nella vita...

Nessun commento: