venerdì 12 ottobre 2007

Due formiche nello zaino...

    Il papà sta cercando, come molti altri giorni, di convincere la piccola Agnese a prepararsi per arrivare in tempo a scuola. Tal papà frigge, il tempo stringe, ha paura di arrivare tardi, stavolta.

    Per parte sua, Agnese si sta domandando, con una calma davvero olimpica, se sia opportuno  indossare il grembiule rosa in luogo di quello bianco (che è a lavare), dopidichè - a valle di una affannosa trattativa che ha coinvolto anche una telefonata alla mamma - comincia a riflettere (sempre con calma) sulla possibilità di mettersi dei sandali, valutando i vantaggi (colore in tono con le calze e col vestito) e gli svantaggi (la terra può entrare nei buchetti delle scarpe, durante la ricreazione in giardino).

    Mancano pochissimi minuti, non si riesce a venirne fuori... Il papà sa per (amara) esperienza, che se si esaspera o si arrabbia, la bimba si blocca e piange, scenario assolutamente da evitare perchè porterebbe ad un blocco difficilmente superabile, in tempi brevi.

    Ed allora spuntano le due formiche. Giò già, proprio le due formiche. "Lo sai Agnese, che hai nello zaino due formichine che vogliono andare a scuola con te? Sbrighiamoci, sennò non fate in tempo!!"
   
Lei  guarda il babbo un pò perplessa, poi decide subito di stare al gioco: "Due formiche ? Cosa fanno? Che dicono...?"

    (Ok - la situazione si sta sbloccando, forse ce la facciamo: ora tocca inventare qualcosa subito, però........)

"Beh, vedi.. sono lì che vogliono salire sul tuo banco, tanto la maestra non le vede...
            ... e poi hanno il quaderno, piccolo piccolo così, e le matita, piccolissime così..."

   
(Il papà fa vedere con la mano quanto sono piccole, intanto stanno uscendo dall'androne di casa, la bimba segue divertita e fa domande..)

        Agnese (guardando lo zaino!): "Formichine... ci siete? Andiamo?  "
       Il papà (facendo le vocine piccole piccole - sperando nessuno lo noti!) : "Siii... dài Agnese, portaci a scuola. Ma stai attenta a che nessuno ci schiacci.. un amico mio lo hanno schiacciato per sbaglio e..
          ...ora sta a casa con una fasciatura, appena può torna a scuola!"

E se qualcuno stamattina ha visto per caso una bimba che correva a scuola parlando con lo zaino, accompagnata da un adulto che faceva le vocine buffe... beh, forse ha visto bene...! ;)

   

3 commenti:

andrea ha detto...

Bellissimo POST!!
Chè papà straordinario e...PAZIENTE!!!
GRANDEEEEEE!!!

Buona domenica.

Anonimo ha detto...

Bellissima idea! Per fortuna ti è venuta al momento giusto perchè in quegli attimi è un attimo fare la mossa sbagliata. Complimenti!
Ma le formichine sono arrivate sae e salve? ;)
Baci
Azul

mcastel ha detto...

@andrea,
grazie mille! comunque, sai, credo che il "mestiere di padre" (e parimenti di madre) si impare "sul campo", e la pazienza in effetti si acquisisce poco a poco ;)

@Azul,
grazie anche a te! Ho fatto leggere i commenti a mia moglie (alla quale la storia è piaciuta molto) e mi detto che Agnese, il pomeriggio, le ha raccontato delle formiche - e l'ha informata anche che stavano bene ed erano sane e salve ;)