venerdì 11 maggio 2007

Dolce Italia

"A Boston c'e' la neve e si muore di noia
Urla tristi di gabbiani nell'acqua della baia
Gente dalla pelle grigia che ti guarda senza gioia
Tutti freddi e silenziosi chiusi nella loro storia

Ma in Italia oh dolce Italia
In Italia è già primavera
In Italia oh dolce Italia
La gente è più sincera, la vita è più vera... "

Ho ricevuto ieri il pacco che aspettavo da bol.it, col il dizionario di francese per Andrea, e con il CD Acustica di Eugenio Finardi (uno dei miei "amori di ritorno", un ritorno gradito dagli ascolti di tanti anni fa...). Il disco è del 1993 ma io non l'avevo mai ascoltato. Ho scoperto di aver speso una manciatina davvero irrisoria di euro per trovarmi tra le mani un disco dolcissimo, tenero e sublime...

Sarà pure che la musica ha valore non solo di per sè, ma per l'interazione che compie con l'ascoltatore, con il suo bagaglio di sensazioni, esperienze, opinioni, paure e gioie... sarà che in questo momento del percorso della mia vita, questa musica la sento così confacente... Non saprei dire. Ma mi commuove innazitutto l'ascolto della splendida Dolce Italia, e la musica dolce porta della parole che mi entrano all'interno, mi muovono qualcosa di benefico, un sentimento sopito, forse, da troppo tempo....


Lo dico, senza retorica: il senso della patria. Di una appartenenza ad un popolo. Con nomi, volti, storie. Perchè sopito? Per pudore, vergogna, timore di essere inattuale? Di essere catalogato politicamente, socialmente, forse... Eppure la rimozione del senso della patria non è sinonimo di libertà o grande sentire, mi accorgo. Me ne accorgo non teoricamente, ma ascoltando le mie sensazioni, i disagi e le gioie che si muovono al mio interno a seconda delle posizioni che assumo... dunque non voglio convincere nessuno, in quel che dirò, sarà semplicemente quel che penso.

Forse è questo: sono cresciuti in una epoca, a ripensarci (anni settanta) in cui nell'aria stessa che si respirava, più che in chiari enunciati, in un clima culturale (o sottoculturale) vi era la pervasiva suggestione che l'idea di patria fosse solo un artificio retorico, una sovrastruttura inutile o addirittura perniciosa. Di più ancora, l'idea della patria, sembrava appannaggio di una parte politica sola (non quella che andava per la maggiore, chiaramente...), ed era associata a sentimenti di belligeranza, di animosità. Insomma collegata, più o meno direttamente, alla volontà di conflitto, palesata o meno che fosse, ad una generica volontà di potenza. Allora poteva capitare che un ragazzo crescendo, desiderando la pace, con tutta la forza degli ideali dell'adolescenza, era portato a considerare questa cosa della patria come una cosa del passato, come una idea superata, antica, inattuale...

... Mi accorgo ora di quanto era sbagliato. Mi accorgo di quanti sentimenti ho rimosso, di una parte di me che non ho lasciato esprimere fino in fondo... di aver bevuto anch'io, per conformismo, per pigrizia mentale, alla fonte intorbidita del concetto falsissimo (provato sulla mia pelle) che veniva subdolamente veicolato da tante parti, ovvero che ogni appartenenza fosse "pericolosa", "sbagliata", "vecchia", che ogni appartenenza (famiglia , religione, patria) dovesse essere dissolta, smantellata per fare posto al "nuovo", oppure fatta scomparire nel "privato", resa invisibile, senza impatto nella realtà... Invece credo che lo sradicamento provochi disorientamento, rabbia, e alla fine, violenza, teorizzata o praticata, grande o piccola. Tutto il contrario della pace...

Attenzione però, non si tratta di negare quel che non va. Tante cose in Italia non vanno, chi potrebbe negarlo? Ma è la mia gente. Il mio popolo. L'amore non copre le cose sbagliate o parziali, ma le ricomprende in sè, mi dico. E poi, lasciatemi dire... se penso allo stupendo e mirabile contributo dato all'umanità in termini di poesia, di musica, ai Santi..... sì lasciatemene gioire di tanta umanità! Sento gratitudine per l'appartenenza alla stesso popolo da cui viene San Francesco, San Benedetto, e ancora Vivaldi, Puccini, e ancora l'immortale Dante, e tutta la poesia bella e commovente di Ungaretti, e tanto altro ancora...

Ma sì, rischiamoci: amiamola questa terra, di sole e di mare, questo popolo...Dolce Italia, in Italia è già primavera.

..E grazie Finardi per questa ed altre meravigliose canzoni. Di questo disco ne voglio riparlare, mi ha preso troppo...

Nessun commento: